Jump to content

ITALIAN submitters: TAX TUTORIAL


Recommended Posts

Ciao ragazzi.

 

Innanzitutto grazie a g2studio che ha iniziato e portato avanti questa discussione. Poi...

 

Il consolato di milano mi ha dato il mum. tel. dell'ambasciata (MI) 0229035333.

 

L'addetto dell'ambasciata, molto gentile, mi ha detto quanto segue:

 

con il passaporto bisogna prendere appuntamento sul sito http://www.italy.usembassy.gov/Main/ (non chiedetemi la pagina web, non l'ho cercata), quindi andare all'appuntamento in ambasciata per l'autenticazione. Penso questo valga in tutta l'Itaglia.

 

Gli ho detto che il mio passport è scaduto e mi ha risposto che non garantisce l'accettazione della documentazione in America ...ovvio.

Gli ho accennato alla possibilità di autenticare carta d'identità + patente di guida e mi ha risposto che, sebbene loro non conoscano gli esiti delle richieste, ha sentito dire che ci sono state pratiche non accettate. Che poi il respingimento dipendesse dal fatto che erano documenti d'identità diversi dal passaporto ...non sapeva.

 

Se avete domande per l'ambasciata, chiamate anche voi ...e magari postate le info che ottenete.

 

Non è molto ma è sempre qualcosa. Keep in touch!

Link to post
Share on other sites
  • Replies 152
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Ho richiamato per approfondire il discorso carta identità + patente di guida.

 

Lo stesso addetto, leggermente meno gentile (lo ringrazio anche qui), di cui sopra mi ha detto:

 

- scrivere un'email al IRS per verificare se i documenti sono accettati (cosa che sul sito irs.gov sembra affermativo);

 

- quindi, sempre previo appuntamento preso dal sito http://www.italy.usembassy.gov/Main/, andare con i 2 documenti per l'autentica.

 

In pratica, ti guardano in faccia, guardano le foto sui documenti e attestano che quello sei tu. Si fermano a questo ma mi sembra già molto ...e risolutivo direi.

 

C'è qualcuno di voi che è molto capace e rapido a scrivere un'email in inglese all'IRS??? Io potrei metterci una giornata intera :)

Qualcuno si offre? O pensate di farne a meno perché è scritto sul sito http://www.irs.gov/individuals/article/0,,id=96287,00.html#acceptable?

 

Piano piano la paranoia inizia a dissolversi ;)

Link to post
Share on other sites
Ciao ragazzi.

 

Innanzitutto grazie a g2studio che ha iniziato e portato avanti questa discussione. Poi...

 

Il consolato di milano mi ha dato il mum. tel. dell'ambasciata (MI) 0229035333.

 

L'addetto dell'ambasciata, molto gentile, mi ha detto quanto segue:

 

con il passaporto bisogna prendere appuntamento sul sito http://www.italy.usembassy.gov/Main/ (non chiedetemi la pagina web, non l'ho cercata), quindi andare all'appuntamento in ambasciata per l'autenticazione. Penso questo valga in tutta l'Itaglia.

 

Gli ho detto che il mio passport è scaduto e mi ha risposto che non garantisce l'accettazione della documentazione in America ...ovvio.

Gli ho accennato alla possibilità di autenticare carta d'identità + patente di guida e mi ha risposto che, sebbene loro non conoscano gli esiti delle richieste, ha sentito dire che ci sono state pratiche non accettate. Che poi il respingimento dipendesse dal fatto che erano documenti d'identità diversi dal passaporto ...non sapeva.

 

Se avete domande per l'ambasciata, chiamate anche voi ...e magari postate le info che ottenete.

 

Non è molto ma è sempre qualcosa. Keep in touch!

 

Scusa ma sempre per amore di chiarezza sul sito italy.usembassy.gov non c'è la possibilità di prendere un appuntamento, con chicchesia (almeno io non l'ho trovato) ma forse intendeva di andare sul sito a prendere i n. di telefono per prendere gli appuntamenti a voce!?

 

Ma soprattutto il funzionario ti ha detto che devi prendere un appuntamento e andare all'ambasciata americana che sta a Roma oppure va bene anche un consolato americano (che ce ne sono tre: Milano, Firenze e Napoli)?

Link to post
Share on other sites

Scusa ma sempre per amore di chiarezza sul sito italy.usembassy.gov non c'è la possibilità di prendere un appuntamento, con chicchesia (almeno io non l'ho trovato) ma forse intendeva di andare sul sito a prendere i n. di telefono per prendere gli appuntamenti a voce!?

 

L'ho detto: non ho ancora guardato sul sito. Comunque si può sempre richiamare lo 02/29035333 (o altra ambasciata in italia).

 

Ma soprattutto il funzionario ti ha detto che devi prendere un appuntamento e andare all'ambasciata americana che sta a Roma oppure va bene anche un consolato americano (che ce ne sono tre: Milano, Firenze e Napoli)?

 

Io ho chiamato milano (vedi prefisso del num. tel. postato) ed dato che mi ha detto, testuali parole, "viene qui e le autentichiamo...." ho capito che posso andare a milano (io vivo a lodi).

 

Se abiti lomtano da milano prova a chiamare l'ambasciata più vicina a te e facci sapere.

Link to post
Share on other sites

 

Io ho chiamato milano (vedi prefisso del num. tel. postato) ed dato che mi ha detto, testuali parole, "viene qui e le autentichiamo...." ho capito che posso andare a milano (io vivo a lodi).

 

Se abiti lomtano da milano prova a chiamare l'ambasciata più vicina a te e facci sapere.

 

Bene allora adesso sappiamo che anche i consolati vanno bene!

 

Per me è più comodo quello di Firenze.

Link to post
Share on other sites
Guest Anonymous

scusate se mi intrometto, ma tasse o meno per quanto tempo e denaro costa questa trafila burocratica non so fino a che punto convenga a meno di non essere certi di guadagnare almeno 1000 euro al meso solo qui.

Link to post
Share on other sites
scusate se mi intrometto, ma tasse o meno per quanto tempo e denaro costa questa trafila burocratica non so fino a che punto convenga a meno di non essere certi di guadagnare almeno 1000 euro al meso solo qui.

 

Si più ci penso anch'io e più tutto quanto sembra privo di senso... documenti che nessuno sa bene quali sono e come ottenerli, appuntamenti da fissare ai consolati mesi avanti per farsi autenticare una patente e una carta d'identità.

Form da riempire non si sa bene come, mesi di tempo di aspettativa da mettere in conto e il rischio che poi si sia sbagliato qualcosa e bisogna ricominciare da capo...

E come se non bastasse nel frattempo SS ci taglia il 30% dei guadagni...

Dulcis in fundo tutto questo per qualche decina di migliaia di autori di lingue e legislazioni diverse che invieranno documenti con certificati di autenticazione in tutte le lingue...

 

Immaginate come andranno in tilt gli uffici preposti al disbrigo di queste pratiche negli stati uniti. Tutto quanto in cartaceo poi!

Il che vorrà dire presumibilmente altri ritardi a catena.

 

Poi se ci va bene ma proprio benissimo pagheremo il 5% di tasse agli stati uniti sui nostri guadagni. E come facciamo poi a spiegarlo al fisco Italiano e a detrarre quel 5% dalle tasse che paghiamo qui? (quelli che le pagano almeno).

 

Occorrerebbe un metodo di disbrigo della cosa completamente informatizzato. Quando ci si registra su Paypal per provare chi siamo sono sufficienti le scansioni di un documento e di qualche bolletta, qui bisogna prendere l'appuntamento in ambasciata o fare il giro delle prefetture con le marche da bollo...

 

Sinceramente non so cosa fare... Per ora aspetto di capirci di più ma non sono ottimista.

Link to post
Share on other sites

Ti verrà a costare - se usi il metodo comune-prefettura - attorno ai 45 euro. Ne vale decisamente la pena a meno che tu non raggiunga il payout mensilmente.

 

Io ancora non l'ho fatto, tra lunedì e martedì conto di finire tutto il "paperwork", vi faccio sapere la settimana prossima se il tutto ha avuto buon esito

 

Tuttavia ho la sensazione che il peggio sia aspettare l'esito dalla IRS... ho sentito che se la prendono con comodo.

 

scusate se mi intrometto, ma tasse o meno per quanto tempo e denaro costa questa trafila burocratica non so fino a che punto convenga a meno di non essere certi di guadagnare almeno 1000 euro al meso solo qui.
Link to post
Share on other sites

Gli Admin hanno annunciato che la tassazione partirà da Luglio

E come se non bastasse nel frattempo SS ci taglia il 30% dei guadagni...

 

Appunto... ehm ehm....

E come facciamo poi a spiegarlo al fisco Italiano e a detrarre quel 5% dalle tasse che paghiamo qui? (quelli che le pagano almeno)

 

Hai pienamente ragione!

Occorrerebbe un metodo di disbrigo della cosa completamente informatizzato.

Link to post
Share on other sites

Ciao ragazzi. Fa piacere leggere in italiano su SS.

Una curiosità, anche se non c'entra direttamente con il topic: io vendo i miei video anche su altri siti (P5, IS, clipdealer, fotolia, ecc.). Alcuni hanno base negli USA (p5, fotolia) altri in altri Stati. Ma le tasse sui guadagni bisogna pagarle in Italia o nei Paesi dove l'agenzia ha la sede? Fa strano per esempio che solo SS chieda il w7, visto che, come detto, ci sono anche altre Agenzie americane che fanno lo stesso lavoro senza domandare nessun documento. Immagino che queste applichino direttamente la tassazione alla fonte.

Mamma mia... manca solo di pagare il 30% negli USA e poi magari un altro 30% in Italia....

Link to post
Share on other sites

già, bel casino!

A quanto pare quello che sta facendo shutterstock lo dovranno fare a breve anche gli altri stock site con sede legale negli States.

Ad ogni modo per noi che vendiamo oltreoceano prima o poi ci doveva toccare di compilare il W-8, gira voce che anche gli altri siti possano richiedere il pagamento delle tasse.

 

Per quanto riguarda le tasse italiane so che si può cumulare il tutto o meglio detrarre la quota pagata agli USA sulle imposte italiane... logicamente questo vale per chi le tasse italiane le paga

LOL!!!

 

Ciao ragazzi. Fa piacere leggere in italiano su SS.

Una curiosità, anche se non c'entra direttamente con il topic: io vendo i miei video anche su altri siti (P5, IS, clipdealer, fotolia, ecc.). Alcuni hanno base negli USA (p5, fotolia) altri in altri Stati. Ma le tasse sui guadagni bisogna pagarle in Italia o nei Paesi dove l'agenzia ha la sede? Fa strano per esempio che solo SS chieda il w7, visto che, come detto, ci sono anche altre Agenzie americane che fanno lo stesso lavoro senza domandare nessun documento. Immagino che queste applichino direttamente la tassazione alla fonte.

Mamma mia... manca solo di pagare il 30% negli USA e poi magari un altro 30% in Italia....

Link to post
Share on other sites

e non vorrei dire... IS è canadese, clipdealer è tedesca e quante altre Agenzie in giro per il mondo... prepariamoci a fare il giro delle Ambasciate.

Ma poi quali documenti rilasciano per compilare la dichiarazione dei redditi in Italia? Arriva una semplice fattura? Il ragioniere del Caaf che mi fa l'UNICO non è tanto diverso dalla dipendente comunale stressata che deve fare l'autentica e che già fa fatica con l'italiano figuriamoci con l'inglese.

Comunque, se posso tirare le conclusioni: le tasse è giusto pagarle, e l'8% che chiede il governo USA è più che onesto. Comprendo anche le ragioni dell'autentificazione, visto che è molto difficile controllare quello che arriva dall'estero, però, scusatemi il francesismo, che gran scassamento di maroni. Viva l'Italia.

Link to post
Share on other sites

Concordo pienamente con quello che hai detto e mi associo al tua citazione d'oltralpe!

 

e non vorrei dire... IS è canadese, clipdealer è tedesca e quante altre Agenzie in giro per il mondo... prepariamoci a fare il giro delle Ambasciate.

Ma poi quali documenti rilasciano per compilare la dichiarazione dei redditi in Italia? Arriva una semplice fattura? Il ragioniere del Caaf che mi fa l'UNICO non è tanto diverso dalla dipendente comunale stressata che deve fare l'autentica e che già fa fatica con l'italiano figuriamoci con l'inglese.

Comunque, se posso tirare le conclusioni: le tasse è giusto pagarle, e l'8% che chiede il governo USA è più che onesto. Comprendo anche le ragioni dell'autentificazione, visto che è molto difficile controllare quello che arriva dall'estero, però, scusatemi il francesismo, che gran scassamento di maroni. Viva l'Italia.

Link to post
Share on other sites

Ciao

Innanzitutto grazie a g2studio e a tutti gli altri che hanno contribuito a "semplificare" la procedura.

Se ho ben capito, per chi non abita vicino ad un'ambasciata o consolato USA, la procedura più semplice è questa:

Autenticare la copia del passaporto(valido) o due documenti (carta identità + patente per chi non ha il passaporto) in comune, poi in prefettura si mette l'apostilla, (tutto con marche da bollo di 14,62 € per pagina) dopodichè si mette in una busta insieme al modulo compilato e alla lettera, e si spedisce tutto in USA con raccomandata internazionale con ricevuta di ritorno, si attende la risposta e si si compila un'altro modulo (forse mi sono perso un pò).

 

Sbaglio qualcosa?

 

Ciao

Link to post
Share on other sites

Perfetto! ;o)

 

Ciao

Innanzitutto grazie a g2studio e a tutti gli altri che hanno contribuito a "semplificare" la procedura.

Se ho ben capito, per chi non abita vicino ad un'ambasciata o consolato USA, la procedura più semplice è questa:

Autenticare la copia del passaporto(valido) o due documenti (carta identità + patente per chi non ha il passaporto) in comune, poi in prefettura si mette l'apostilla, (tutto con marche da bollo di 14,62 € per pagina) dopodichè si mette in una busta insieme al modulo compilato e alla lettera, e si spedisce tutto in USA con raccomandata internazionale con ricevuta di ritorno, si attende la risposta e si si compila un'altro modulo (forse mi sono perso un pò).

 

Sbaglio qualcosa?

 

Ciao

Link to post
Share on other sites

Grandi notizie!!!

 

Quoto di seguito un post di un amministratore di Shutterstock

 

Good news - we're still working out details, but the taxation will only occur if the buyer downloading the image is in the U.S. - if any one outside the U.S. downloads an image, there will be no withholding.

 

This goes for treaty country submitters and non-treaty country submitters alike.

 

We'll be posting an announcement in the Tax forum shortly. Please read it carefully.

 

Thanks,

 

-jm

 

Tuttavia vi vorrei proporre questo post davvero ben scritto di un contributor che ha già avuto a che fare con l' IRS e che si chiede se la lettera di Shutterstock sia valida e riconosciuta dall' IRS stesso.

 

I've tried applying for an ITIN number for use on another US site (now deceased) that also required the W8-BEN to be filled in.

 

The rumour was that they were trying to raise capital for expansion and no investors would commit large amount of money into the company without the contributors having the W8-BEN forms.

 

After 3 attempts I gave up, ('Formal Errors') and thought it'd be easier to claim back the tax after.

 

Each attempt cost around £150 - £200, so it became too expensive to continue. (The IRS do NOT send the paperwork back) After the second failure I took photocopies of my submitted forms, and got a specialist company to see why I'd failed.

 

It turned out I had written 'NA' and not 'N/A' on the W7 form, and the printed email was not regarded by the IRS as a contract. (Despite the stock site saying it should be....)

 

Yesterday after speaking to the IRS dept at the US Embassy (They only deal with enquiries in the morning) they said the email, printed out would NOT be valid and the FULL Contract would be needed in writing, and hand signed.

 

For obvious reasons, until SS can GUARANTEE that they will provide a written signed contract that will be accepted by the IRS or that the email IS eligible I will not be wasting more money.

 

Claiming back the tax in the UK if you are self employed is not too simple either. You have to request a foreign income form, fill it in and file it BEFORE payment is received.

 

After speaking to the UK Tax Office, they seem to think only money made by selling to US customers via a US company can be withheld, and if the company sells globally they need a breakdown of sales to US customers, so UK resident's can't claim too much back from the IRS....(!?)

 

The US Embassy in London says they do NOT provide certification for gaining an ITIN, but on the IRS site, they say Embassy's do. Last time I tried, the website said they do but after making an appointment, in person they said they do not. Spending money on having Price Waterhouse Coopers check the W7 form didn't help either, except they could tell me what my previous errors were!

 

So with nearly £600 spent on trying to get an ITIN, and $482 already paid to the IRS for not having an ITIN (30% of my earnings from the now deceased site) i'd like SS to make CLEAR, SIMPLE, FOOLPROOF GUIDELINES stating who can/cannot provide certified then apostilled, how to fill the W& form in EXACTLY, and what from SS WILL BE ACCEPTED BY THE IRS so I won't be wasting more money...PLEASE!!

 

I thought each time it was easy, but its not at all!!!

 

Io attendo prima di mandare la mia documentazione, aspetto che almeno lo staff chiarisca queste cose. Non intendo buttare tutta la trafila burocratica nel cesso per un errore di forma che non dipende da me.

 

P.S. nel W-7 ricordatevi di scrivere in tutti i campi vuoti "N/A": non lasciate nulla in bianco o lo rifiuteranno!!!

Link to post
Share on other sites

salve ragazzi, che bello scrivere in italiano! Ho letto tutto il thread e sinceramente sono molto perplessa sul da farsi perchè ho cominciato da un mese e mezzo e non ho nemmeno raggiunto i soldi che servono per le marche da bollo!! Certo è meglio avere una ritenuta del 5 che del 30% però mi domando se ne valga la pena fare tutta questa trafila, spendere per le marche da bollo, aspettare chissà quanto la risposta sperando poi di ottenere quello che serve e non dover rifare tutto! Se va bene ok è un investimento per i mesi a venire ma mi domando se uno almeno per ora guadagna poco vale la pena secondo voi? Boh attendo un altro pò e poi decido..

 

Jessica

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...